mercoledì 11 maggio 2011

FERMATO CARLO VERGANI


E’ in stato di fermo di pm dal tardo pomeriggio di ieri e dalla serata di ieri si trova in carcere a Verbania, in attesa dell’udienza di convalida, Carlo Vergani, l’imprenditore cusiano 64enne, amministratore unico e direttore commerciale della Cusiana Costruzioni, balzato alla ribalta delle cronache qualche anno fa per il rapimento della figlia Barbara. L’ipotesi di reato contestata dalla Procura all’imprenditore sarebbe quella di bancarotta. Vergani, dopo l’interrogatorio davanti al pubblico ministero titolare dell’inchiesta e al procuratore capo, assistito dall’avvocato Alberto Savoini di Vercelli e da un collega di Milano, interrogatorio iniziato alle 10.40 e terminato poco prima delle 15, è stato riaccompagnato in carcere. Da quanto appreso – il riserbo della Procura è massimo – si tratterebbe di un’indagine avviata un paio di mesi fa dalla Guardia di Finanza. Due le persone che risulterebbero coinvolte nella stessa inchiesta: oltre all’imprenditore cusiano anche un cittadino italiano residente in Svizzera interrogato ieri in Procura. Al termine dell’interrogatorio di ieri il magistrato gli ha notificato il fermo e l’uomo è stato colto da malore e portato in ambulanza al Dea del Castelli.

(tratto da Azzurra TV)

11 commenti:

  1. utente anonimo11 maggio 2011 15:10

    CHE DOLORE!!!

    RispondiElimina
  2. utente anonimo12 maggio 2011 10:02

    Ma è lo stesso imprenditore a cui avevano rapito la figlia?
    Se è lui quindi è anche quello che qualche operazione discutibile l'ha fatta anche a Borgo Ticino con la collaborazione di qualche impresa locale?
    Ma è vero che il Comune gli aveva approvato un progetto per un volume spropositato su un piccolo terreno in via Mezzana e che poi il tutto è stato bloccato dalla Regione?
    E le costruzioni di fronte alla vecchia scuola materna? come mai sono ferme da così tanto tempo?
    Se fosse tutto vero, possibile che sia lui l'unico responsabile di questo disastro?

    RispondiElimina
  3. utente anonimo12 maggio 2011 10:47

    conosco il vergani ed eè una pesona di quelle che si possono chiamare signori con la esse maiuscola. il mio pensiero e che sia stato raggirato come faceva spesso un delinquente che lavorava in provincia un certo castaldo che gli dava i lavori in cambio di grosse provvigioni dicendo che servivano per la campagna elettorale di un certo boniperti .sul povero vergani ci hanno mangiato parecchie persone tanto da ridurlo sul lastrico.la provincia faceva spesso dei ritrovi al ramada con cene tutte offerte gratis e festini con donne di facili costumi che portava all'occorrenza il sig. castaldo, con la promessa di appalti pubblici.
    un mio invito alla guardia di finanza e procura della repubblica  iniziate le indagini partendo dalla provincia di novara 

    RispondiElimina
  4. utente anonimo12 maggio 2011 23:55

    Sono tutti bravi a lanciare accuse e sparlare, fare nome e cognomi e rimanere anonimi.

    RispondiElimina
  5. utente anonimo13 maggio 2011 08:39

    Speriamo allora che adesso tutti i nomi e cognomi li faccia direttamente il Sig. Vergani.

    RispondiElimina
  6. utente anonimo13 maggio 2011 12:11

    con me è sempre stato preciso corretto e scrupoloso. Mi ha sempre pagato alle scadenze senza ricorrere, come abitudine ampiamente diffusa, a sconti ingiustificati.
    Fino a prova contraria è un Galantuomo e, visto  la qualità del sistema giudiziario italiano, anche una sentenza di condanna  non necessariamente accerterebbe la verità.

    RispondiElimina
  7. utente anonimo29 maggio 2011 19:42

    Il signore con la S maiuscola era già stato inquisito nel '95 per usura e nel '98 per omicidio colposo quando due suoi dipendenti erano morti in Val Strona cadendo in un dirupo con un camion che non era idoneo ad essere utilizzato per spargere sale...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questa é l'italia ... purtroppo! si patteggia e poi ... si torna liberi!

      Elimina
  8. utente anonimo7 agosto 2011 22:16

    È tornato in carcere, stavolta sarà un po' più difficile ottenere i domiciliari...

    http://www.novara.com/novara.com/index.php?Section=News&Tools=WAPPS&Filters=SeqId,5388

    RispondiElimina
  9. magari adesso é nello stesso carcere dove si trovano i rapitori della figlioletta :)

    RispondiElimina
  10. Non penso, mi pare di aver letto da qualche parte che sono già tutti fuori o quasi.
    Comunqe il Vergani ha patteggiato 4 anni di reclusione, il figlio Patrick 1 anno e 8 mesi...

    RispondiElimina

Rubriche

Il Cittadino Informa

Ci Piace e Non Ci Piace