giovedì 28 maggio 2009

RISPOSTA ALL'UTENTE ANONIMO- "LE OPERE DEL SINDACO ORLANDO"

Pubblichiamo la risposta ad un commento lasciato da un utente anonimo che ha partecipato a varie discussioni sul blog in merito alle opere fatte dal sindaco ORLANO. Per poter rispondere ci siamo informati sia consultando le delibere di giunta comunale sia ponendo alcuni quesiti alla minoranza consigliare tramite il loro sito web www.borgoticino.info, che così ci risponde.

Il commento dell’utente anonimo è:

#51                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                           25 Maggio 2009 - 22:16

cosa ha fatto il sindaco?

pavè,asilo,scuole medie rifatte,opera pia volpi,carceri in fase di ristrutturazione,area mercato,semafori,marciapiedi,la chiesa con l'ausilio della parrocchia,sistemazione della via valle e dei passaggi pubblici,centri sociali con ricoveri e appartamenti bisognosi e anziani,pannelli solari ecc ecc..CHI CAZZO LE HA FATTE STE ROBE?!IL CELESIA?!

NOOOOOOOOOOOOOOOOO

La nostra risposta è:

Prima di tutto, vogliamo invitare il commentatore ad informarsi bene prima di scrivere e, soprattutto, a non credere soltanto alle cose che gli vengono dette da una sola parte politica. Infatti, sono numerosi i commenti e le dichiarazioni lasciate sull’amministrazione Celesia o Orlando che evidenziano come la popolazione borgoticinese si interessi poco della vita politica del proprio paese, preferendo seguire le voci di alcuni o di altri senza informarsi correttamente.

Torniamo alla questione sollevata dall’utente anonimo.

In merito all’elenco delle opere fatte dall’amministrazione Orlando, Le rispondiamo in questo modo:

1)      PAVE’: L’amministrazione Orlando in 8 anni ha pavimentato la Piazza Martiri, la Piazza Roma con Santa Caterina e Via Olmo. Ha utilizzato il pavè ossia il porfido a cubetti “cementato”. L’uso del porfido o degli autobloccanti (da lei criticati) fatta dall’amministrazione Celesia sono semplicemente scelte: entrambi hanno pregi e difetti ed entrambi necessitano di manutenzione. In ogni caso, la manutenzione del porfido è molto più impegnativa e costosa di quella degli autobloccanti. Se il comune effettuasse le dovute manutenzioni stia pur certo che gli autobloccanti non salterebbero come scrive lei. Rimane il dubbio, anche se molto fondato, che buona parte di queste opere sia stata fatta grazie ai contributi a fondo perso della REGIONE PIEMONTE elargiti per la separazione delle reti fognarie, dati al CONSORZIO ACQUE REFLUE.

2)      ASILO: quale asilo? O meglio, si intende la scuola materna o l’asilo nido? Se parliamo della scuola materna, allora l’intervento è stato realizzato grazie al lascito della sig.ra Natalia Zanotti (pari a circa un milione di euro) non al comune, ma all’ente scuola materna che ha realizzato direttamente l’intervento. Il comune ha concesso esclusivamente l’uso del terreno già da sempre utilizzato dalla scuola materna stessa. Gli unici interventi programmati (centrali termiche, messa in sicurezza dell’immobile, ecc.) erano stati progettati e messi in bilancio dalle amministrazioni  precedenti (CHINELLO  E CELESIA). Durante l’amministrazione ORLANDO, l’unica opera realizzata è stata: ridurre il parco della scuola materna per allargare la via san Giuseppe. Se parliamo dell’asilo nido, invece, l’ampliamento è stato realizzato da un’impresa edile (legata alla maggioranza consigliare) in cambio di oneri di urbanizzazione mai versati e mai incassati per sviste dell’amministrazione ORLANDO. Questa opera non è stata fatta dal comune, ma da un privato. L’amministrazione CELESIA, invece, ha rifatto tutto l’impianto di riscaldamento, la centrale termica e tutte le nuove pavimentazioni.

3)      Scuole medie rifatte: manutenzione ordinaria e straordinaria che periodicamente deve essere fatta negli edifici pubblici (tetto in eternit, verniciature esterne).

4)      Ex-Opera pia volpi: l’immobile, nato per essere destinato ad attività sociali, ora è diventato un condominio, in cambio devono essere realizzati i minialloggi. La ristrutturazione è stata possibile grazie alla legge “bassanini bis” che ha concesso la possibilità agli enti pubblici di alienare gli immobili di proprietà: legge entrata in vigore appena prima che si insediasse l’amministrazione Orlando.  

Per poter alienare l’immobile ex-Opera Pia Volpi, l’amministrazione ORLANDO dichiarò che nella provincia di Novara le strutture residenziali per anziani coprivano già ampiamente le richieste. Per non fare sprechi di denaro, la maggioranza scelse di farsi costruire in cambio 8 minialloggi. ABBIAMO GIA’ VISTO IL REGOLAMENTO, VEDREMO I RISULTATI. L’amministrazione Celesia non avrebbe potuto vendere tale immobile a privati, ma solo darlo in concessione, così come stava già facendo per realizzare una residenza per anziani, che avrebbe ospitato più di 50 persone. Ad oggi, dopo 7 anni, però, i minialloggi previsti non sono ancora stati terminati, mentre l’ex-Opera Pia Volpi è già utilizzata da due anni.

5)      Carceri in fase di ristrutturazione: anche in questo caso, l’amministrazione ORLANDO ha venduto la proprietà comunale ad un’impresa edile in cambio di una nuova sala consigliare e una nuova pinacoteca, oltre a parcheggi interrati per i mezzi comunali, come stabilito dall’unica convenzione portata in consiglio comunale. La ristrutturazione degli ex-carceri iniziata tra il 2004 e il 2005 è tuttora sospesa a causa dell’intervento della Sopraintendenza regionale ai beni ambientali e culturali e, non solo, per presunte violazioni sia amministrative che urbanistiche. Ad oggi, l’immobile risulta di proprietà dell’impresa edile senza che il comune abbia avuto in cambio la pinacoteca, la sala consigliare e i parcheggi: la parte dell’edificio da adibire a pinacoteca e sala consigliare è crollata durante gli scavi. Il piano interrato, adibito a parcheggi,  non è stato realizzato, ed ad oggi la convenzione (in sanatoria) non è più tornata in consiglio comunale. I lavori, a quanto pare, resteranno fermi per un bel po’ di tempo sia per l’intervento della magistratura sia per le difficoltà economiche in cui si trova l’impresa proprietaria. CELESIA SOSTIENE: “come dichiarato dal segretario comunale nell’incontro del 18 maggio 2009, che è quanto mai strano che il comune non si sia ancora costituito parte lesa nella causa di concordato fallimentare dell’impresa proprietaria”

6)      Area mercato: il primo progetto dell’area mercato è stato redatto dall’amministrazione Chinello (terminata nel 1997), quindi, prima ancora dell’amministrazione Celesia, che lo aveva portato avanti. L’amministrazione Orlando ha eseguito l’opera, nata con una spesa preventiva di circa 500.000.000 lire, portando l’importo ultimo dei lavori pari a circa 630.000mila euro più le spese legali sostenute per il contenzioso con l’architetto progettista (è stato speso più del doppio preventivato dal Chinello). Sono stati spesi tutti questi soldi per realizzare un parcheggio che viene adibito ad area mercato circa due volte al mese e nel quale vengono parcheggiate al massimo 10 auto al giorno.

7)      Semafori: opera realizzata dall’amministrazione Orlando grazie al fatto che solo dal luglio 2007 il tratto di statale n.32 è diventato di competenza comunale. L’amministrazione CELESIA (1997-2001) aveva richiesto all’ANAS di realizzare due semafori, uno dove è stato realizzato quello ora esistente, l’altro doveva essere posto all’incrocio con la via cimitero. Per ben due volte, gli ispettori dell’ANAS, venuti da Roma, avevano negato il permesso.

8)      Marciapiedi: se ci si riferisce ai marciapiedi di via Zanotti, facciamo presente che tutti quelli, realizzati sul lato destro in direzione Novara, non sono conformi alle normative vigenti. I soldi comunali sono stati spesi nella realizzazioni di opere inutilizzabili dalla maggior parte della popolazione. Se, invece, ci si riferisce anche ai vari transennamenti fissi in guisa o tubolare, chiediamo all’utente #50 e #51, se, secondo lui, anche qui sono state rispettate le norme imposte dalla legge.

9)      La chiesa con l’ausilio della parrocchia: se si intende la chiesa parrocchiale, la ristrutturazione della stessa e del sagrato è stata realizzata dalla Parrocchia con un contributo minimo da parte del comune che riguardava esclusivamente l’orologio, il campanile e il muraglione esterno. Quindi, in ogni caso questa non rientra nelle opere eseguite dal comune, in quanto trattasi di piccoli contributi a interventi privati. Se si intende la chiesetta di Lazzaretto, la stessa è stata realizzata sempre grazie al contributo dei privati e alla beneficenza.

10) Sistemazione della via valle e dei passaggi pubblici: Essendo la via Valle, in data odierna, una delle strade meno agibili di Borgo Ticino, preferiremmo stendere un velo pietoso e non fare nessun commento. Una cosa è certa, l’unica opera realizzata è la separazione delle reti fognarie ed il ridicolo tentativo di regolamentazione della viabilità della stessa via.

11) Centri sociali e appartamenti bisognosi e anziani: Ci viene in mente il centro anziani di via Valle, i cui fondi per la realizzazione erano stati messi in bilancio dall’amministrazione Celesia per realizzare il centro anziani + appartamenti temporanei di prima accoglienza. L’amministrazione ORLANDO ha, poi, realizzato il centro anziani senza prende in considerazione le barriere architettoniche, come da legge,  ed gli appartamenti sono divenuti di “ad uso esclusivo” di alcuni personaggi in maniera totalmente gratuita, senza che il servizio sociale attui  programmi di recupero delle famiglie. Anche in questo caso, l’amministrazione Orlando ha eseguito un’opera già preventivata da un’altra amministrazione. Sul lato di via Valle, per la terza volta si è formata una grande crepa e ad oggi non è stato fatto nessun intervento.

12) Pannelli solari: opera realizzata dall’amministrazione Orlando in 8 anni. Stiamo aspettando i risultati economici ottenuti dall’intervento.

13) Ecc…..: all’utente anonimo, continui nel suo elenco e noi risponderemo.

10 commenti:

  1. utente anonimo28 maggio 2009 13:18

    Ora è tutto chiaro!
    Celesia non essendo ne sindaco e ne assessore è riuscito a fare tutte queste opere dalla opposizione.
    AAzzz!!!!

    RispondiElimina
  2. utente anonimo28 maggio 2009 14:22

    ma sai leggere!!! AAzzz!!!
    non c'è peggior sordo di chi non vuole sentire...o..meglio non c'è peggior cieco di chi non vuole leggere.
    è inutile fare le domande, se non poi non si vogliono ascoltare le risposte!!!

    RispondiElimina
  3. utente anonimo28 maggio 2009 18:24

    tutte queste cose possono essere vere..ma è forse colpa dell'amministrazione Orlando se Celesia non ha portato a termine la sua legislatura?perchè non l'ha portata a termine?
    comunque se è veramente cosi dobbiamo RINGRAZIARE Orlando perchè è riuscito a portare a termine le opere iniziate da altri..questo non vuol dire non fare niente, questo vuol dire creare continuità..

    RispondiElimina
  4. utente anonimo28 maggio 2009 20:20

    mi sono attenuto a quello pubblicato sopra..ad esempio:
    "opera realizzata dall’amministrazione Orlando grazie al fatto che solo dal luglio 2007 il tratto di statale n.32 è diventato di competenza comunale. L’amministrazione CELESIA (1997-2001) aveva richiesto all’ANAS di realizzare due semafori, uno dove è stato realizzato quello ora esistente, l’altro doveva essere posto all’incrocio con la via cimitero. Per ben due volte, gli ispettori dell’ANAS, venuti da Roma, avevano negato il permesso"se celesia avesse continuato ad amministrare magari l'avrebbe fatto lui..ma nn si puo dire: "che l'avrebbe fatto anche celesia.." QUESTO.. è troppo facile..Orlando ha fatto bene a portare avanti il lavoro iniziato da altri e ribadisco è cosi che si amministra un paese creando continuità e non disfatta..

    RispondiElimina
  5. utente anonimo28 maggio 2009 20:49

    Per ben due volte, gli ispettori dell’ANAS, venuti da Roma, avevano negato
    Devono venire da Roma per 2 semafori? E per autorizzare gli impianti. Tutto da ridere Ora capisco che in Italia e' la barzelletta della Comunita


    Tirem innaz

    RispondiElimina
  6. utente anonimo1 giugno 2009 12:20

    Ma bravi ai professori di btvero!!
    Pronti a notare i problemi di grammatica, di lettura, di scrittura.
    Non tutti hanno la vostra istruzione universitaria.

    RispondiElimina
  7. utente anonimo1 giugno 2009 19:37

    Sono a disposto a prendere ripetizioni da lei professore mi dica il luogo e il giorno e ...l'onorario.

    RispondiElimina
  8. utente anonimo1 giugno 2009 22:19

    #15

    Con tutte le sue identita gli raccomanderei di visitare un PSICHIATRA.

    RispondiElimina
  9. utente anonimo2 giugno 2009 02:43

    Corruzione: Italia al 55° posto
    Transparency International, l'Organizzazione mondiale contro la corruzione, ha divulgato due giorni fa, il 23 settembre, in tutto il mondo l'indice di percezione della corruzione 2008 (CPI 2008).

    L'indice 2008 copre le indagini sviluppate dal Prof. Lambsdorff dell'Università di Passau nel 2007 e nei primi mesi del 2008. Pochi cambiamenti al top dove resistono sempre gli stessi Stati virtuosi e trasparenti: Danimarca, Nuova Zelanda, Svezia, Finlandia.

    L'Italia ha subito una pesante retrocessione (0,4), tornando al voto di 4,8 su 10.
    Siamo passati dal 41° al 55° posto, preceduti dalla Slovacchia e dal Sud Africa, e al pari delle Seychelles.
    Ci precedono nazioni come la Santa Lucia, le Barbados, il "Saint Vincent e Grenadine", il Botswana, Porto Rico, Mauritius, Oman, Macao, Bhutan, Capo Verde, Malesia.
    Viene evidenziata per quanto riguarda l'Italia una netta distinzione regionale del fenomeno, con regioni che totalizzano un punteggio del 3,3 di corruzione e altre con il 6,3.
    La gestione della Sanità è all'origine di corruzione pesante e condizionante, come dimostrano i recenti casi, sia per il peso sulla finanza pubblica che per l'opacità nella scelta dei fornitori che allontanano gli onesti.
    "Ogni singola parte della Sanità, proprio per la sua importanza, dovrebbe essere totalmente trasparente: le scelte, i costi, le graduatorie debbono essere visibili e controllabili, in rete, da tutti i cittadini" è il parere di Quintiliano Valenti, Vice-Presidente di Transparency Italia.
    La presidente di Trasparency Italia Maria Teresa Brassiolo chiede al ministro della Funzione Pubblica Renato Brunetta di nominare con la massima urgenza un nuovo sottosegretario con la funzione di Alto commissario alla lotta alla corruzione.

    I numeri parlano chiaro. Non serve nessun ulteriore commento. Ma sappiamo già che questo rapporto non sarà mai reso noto dalla nostra informazione.
    Vi posso mandare le regioni piu corrote in Italia................... indovinate

    RispondiElimina
  10. utente anonimo3 giugno 2009 02:06

    # 1

    GRAZIE:
    THAN SHUT UP: CAPITOLO CHIUSO

    RispondiElimina

Rubriche

Il Cittadino Informa

Ci Piace e Non Ci Piace