martedì 16 giugno 2009

LETTERA APERTA DEL CONSIGLIERE BOJERI MARIO

Pubblichiamo la lettera aperta di Bojeri Mario che è stata pubblicata sul sito internet della minoranza consiliare www.borgoticino.info


LETTERA APERTA DI BOJERI MARIO

Consigliere comunale

Con questa lettera, mi permetto di rispondere al nostro caro primo cittadino (Orlando Giovanni) e più precisamente alle sue dichiarazioni rilasciate alla stampa locale, sul sito del comune di Borgo Ticino e, infine, su IL BORGO. Mi riferisco, soprattutto, alla sua ultima lettera aperta comparsa proprio su IL BORGO.

Dopo il “blitz mattutino” dei Carabinieri e della Forestale a casa del primo cittadino e di altre quattro persone, nonché dopo la lettura sulla stampa delle ipotesi di reato (associazione a delinquere, voto di scambio, reati vari, ecc…) che hanno determinato l’emissione degli avvisi di garanzia ai cinque indagati, avevo letto con poco stupore le prime esternazioni del primo cittadino e le “motivazioni” addotte a spiegazione dell’accaduto.

Dopo aver ricevuto copia de IL BORGO n.2/2009, però, il mio originario “stupore” si è trasformato in ben altro: quello che, all’inizio potevo accettare come sfogo politico, ora non lo ammetto più, così come nel 2006 non ho ammesso e ho fermamente condannato le parole che, nella prima seduta del consiglio comunale, il Sindaco usò contro di me, la mia famiglia e la minoranza solo per poter continuare a passare come la vittima perseguitata dalla minoranza di allora, di cui io non facevo neppure parte. A quelle dichiarazioni risposi già nella sede opportuna, il consiglio comunale, ma visto quello che il nostro caro primo cittadino continua ad esternare, mi trovo costretto a replicare.

In primo luogo, se Lei ha ricevuto “innumerevoli esposti anonimi negli ultimi otto anni”, forse Lei avrebbe già potuto avere qualche dubbio sulla trasparenza della sua attività amministrativa e politica. Se, poi, tali esposti anonimi sono finiti nel nulla, meglio per Lei: ma quali sono questi esposti? Lei continua a citare questi “centinaia e centinaia di esposti”, ma ad oggi Lei non è stato in grado di documentarne uno solo. Noi vorremmo leggerli tutti.

In secondo luogo, la minoranza consigliare (anche quando è costituita da una sola persona) ha il dovere politico e amministrativo, per la carica che ricopre, di segnalare qualsiasi fatto che possa mettere in dubbio la trasparenza e la correttezza dell’attività amministrativa. Di conseguenza, gli esposti vanno fatti agli enti di competenza, tra cui Procura, per i reati penali, Regione Piemonte, Corte dei Conti, Prefetto, ecc…. per altre forme di reato. Pertanto, è un dovere fare codeste segnalazioni: nella provincia di Novara, nella Regione Piemonte e nell’Italia intera le minoranze consigliari fanno esposti e li inviano a chi di dovere. A Borgo Ticino, invece, bisogna stare zitti, non vedere e non sentire per fare piacere a Lei? Se voleva tre scimmiette in consiglio comunale doveva ordinarle a qualche zoo.

In terzo luogo, Lei ha reso il consiglio comunale il luogo dove Lei decide, ordina e fa approvare tutto quello che le viene in mente senza tener minimamente conto delle dichiarazioni e delle osservazioni della minoranza (tutte scritte, documentate e firmate), in quanto dall’altra parte è circondato dai suoi adepti che mai metterebbero in dubbio la sua preparazione. Lei ha volutamente spostato l’orario di convocazione del consiglio comunale alle ore 18.30 per non farvi partecipare la minoranza in modo da poter finire entro le 19.00 e “andare tutti a mangiare la pizza” nel plauso generale.

In quarto luogo, trovo assolutamente calunniosa la frase “come fa l’attuale minoranza con esposti anonimi, che rivelano la sua pochezza culturale e la miseria umana di chi usa questi mezzi”.

Ma Lei chi crede di essere? Il fatto di essere stato eletto Sindaco di Borgo Ticino non dà il diritto a calunniare la gente, a fare accuse infondate, a dire tutto quello che le passa per la mente o fare tutto quello che si vuole. Forse dovrebbe ricordarsi il giuramento che ha fatto sulla costituzione italiana quando è stato insediato come sindaco. Lei è al servizio dei cittadini, non sono i cittadini al suo servizio. In merito alla “pochezza culturale della minoranza”, di cui ancora non capisco il senso, sono, però, contento di essere giudicato proprio da Lei, dall’alto della sua preparazione culturale. In merito, poi, alla “miseria umana”, mi spiace contraddirla e lo farò con tutto il rammarico che ho da quando è mancato mio padre, il dottor BOJERI CARLO. Nel novembre 2005 al suo funerale non ho visto un gonfalone del comune di Borgo Ticino, un rappresentante ufficiale dell’amministrazione comunale che abbia portato gli onori alla figura di mio padre. Forse, qualcuno dell’amministrazione avrebbe dovuto ricordarsi che il dottor BOJERI CARLO è stato capogruppo di minoranza in consiglio comunale e pertanto amministratore di Borgo Ticino. Le amministrazioni dei paesi limitrofi hanno avuto più rispetto per mio padre di quello che egli ha avuto da Borgo Ticino dove ha lavorato come medico per oltre 40 anni. Allo stesso modo, mi spiace non aver visto nessun messaggio di cordoglio da parte dell’amministrazione per il dott. La Manna Santo, che è stato anche segretario comunale di Borgo Ticino. Forse, per la “grande umanità” di questa amministrazione sono sufficienti due righe su un telegramma.

In quinto luogo, tutte le sue dichiarazioni lasciano il tempo che trovano: se in otto anni di amministrazione Lei ha fatto degli errori, allora è giusto che Lei paghi; se la minoranza, costituita fino al 2006 da un uomo solo, è riuscita a sottoporla ad una pressione continua, beh allora complimenti a questa potente persona (uno contro 12, meglio di Davide e Golia).

Infine, si ricordi che gli esposti della minoranza sono tutti firmati e Lei sa benissimo quelli che io ho firmato. Non credo proprio che qualcuno possa andare dai Carabinieri, in forma “anonima”, meglio se mascherato: abbia un po’ più di rispetto per l’intelligenza umana.

In merito, poi, alle minacce e alle calunnie, voglio stendere un velo pietoso su queste dichiarazioni: senti un po’ chi getta il sasso e poi nasconde la mano. Negli ultimi anni, tra le persone che hanno ricevuto minacce, calunnie e quant’altro, Lei non c’è. Le vorrei ricordare che l’anno scorso Lei e la sua ciurma avete fatto di tutto per eliminare mia moglie dalla commissione edilizia adducendo un conflitto di interessi (i conflitti di interessi, però, esistono solo per la minoranza, la maggioranza è esente da tutto) basato esclusivamente su calunnie e falsità: il segretario comunale non ha avuto il coraggio neppure di trascrivere tutte le falsità dichiarate nella seduta segreta del consiglio comunale del 12 febbraio 2008, forse per non far incorrere qualcuno in una querela. Ma non si preoccupi ce le ricordiamo tutti e le abbiamo trascritte noi!!!

La invito, pertanto, a smetterla di piangersi addosso e cercare l’appoggio della gente “per il suo caro e buon sindaco” attraverso queste basse e subdole esternazioni. La giustizia farà il suo corso: se avrà sbagliato, pagherà come è giusto che sia; se, invece, non ci sarà nulla, meglio per Lei, ma questo non vorrà dire che Lei sia stato un buon sindaco!!!

Il consigliere comunale

Bojeri dott. Mario

5 commenti:

  1. utente anonimo28 giugno 2009 21:13

    Sperava che qualcuno lodasse il suo intervento ma così non è stato, nessuno le ha scritto......peccato, non è considerato come merita.
    Mi dispiace per lei dottore.

    RispondiElimina
  2. utente anonimo30 giugno 2009 04:41

    Sono come le te scimmie. NON VEDO, NON PARLO , NON O' L'UDITO'


    GIUNTA COMUNALE

    Vicesindaco non Consigliere
    78049
    Innocente Luigi GIOVANELLA
    nato a Somma Lombardo (VA) il 14/06/1944
    eletto il 28/05/2006 e nominato il 06/06/2006
    Titolo di Studio: Licenza di Scuola Media Inferiore o Titoli equipollenti
    Assessore non Consigliere
    78046
    Eleonora BELLINI
    nata a Belgirate (NO) il 01/09/1952
    eletta il 28/05/2006 e nominata il 07/08/2006
    Assessore non Consigliere
    78047
    Rag. Roberto BUSCHINI
    nato a Borgo Ticino (NO) il 04/10/1944
    eletto il 28/05/2006 e nominato il 06/06/2006
    Titolo di Studio: Licenza di Scuola Media Superiore o Titoli equipollenti
    Assessore non Consigliere
    78048
    Dott. Giuseppe FANCHINI
    nato a Oleggio (NO) il 30/03/1947
    eletto il 28/05/2006 e nominato il 06/06/2006
    Titolo di Studio: Laurea
    Assessore non Consigliere
    78045
    Silvio FOLINO
    nato a Martirano Lombardo (CZ) il 16/10/1951
    eletto il 28/05/2006 e nominato il 06/06/2006
    Titolo di Studio: Licenza di Scuola Media Superiore o Titoli equipollenti
    Categoria Professionale: Contabili, Economi, Cassieri

    RispondiElimina
  3. certo che sua moglie doveva essere fatta fuori dalla commissione edilizia perchè a qualcuno dava molto ma molto fastidio.
    i suoi due colleghi ingegneri che ora hanno lo studio con l'arch. progettista del capannone della sig.ra barbaria filomena non dovevano allontanarsi dalla votazione, se il problema era la partica della sig. barbaria.

    ah già, la maggioranza ha la benedizione divina!!!

    RispondiElimina
  4. STAI TRANQUILLO, QUELL'AZIENDA "AGRICOLA" L'OASI DELL'IMPRENDITRICE "AGRICOLA" BARBARIA FILOMENA, VERRA' PRESTO DEMOLITA!!!!!!!!!!!!!!!!!

    MA CON CHE CORAGGIO L'HA CHIAMATA OASI????

    E, SOPRATTUTTO, CON CHE CORAGGIO SI FREGIA DI UN APPELLATIVO TANTO NOBILE QUAL E' QUELLO DEL CONTADINO, DELL'AGRICOLTORE SE NEMMENO SA COSA SIGNIFICHINO QUESTE PAROLE?????

    RispondiElimina
  5. CARISSIMI VOTANTI DEL "SANTO SUBITO" SINDACO ORLANDO E DI TUTTA LA SUA CRICCA:

    SE NESSUNA RUSPA VERRA' AD ABBATTERE I VARI ABUSI EDILIZI (MEGACAPANNONE DI BARBARIA FILOMENA a GAGNAGO in primis), COME TUTTI VOI AUSPICATE, SARA' SOLAMENTE PERCHE' SIAMO IN ITALIA.

    E LA POLITICA, PER LA COSTRUZIONE DI UN CAPANNONE "AGRICOLO" ABUSIVO O PER LA CONCESSIONE DI QUALSIASI ALTRO ABUSO EDILIZIO, NON C'ENTRA PROPRIO NULLA E NON CAPISCO CHI VOGLIA METTERCELA DENTRO A TUTTI I COSTI.

    SIAMO IN ITALIA E QUESTO SIGNIFICA, VEDI QUANTO SI STA DISCUTENDO PROPRIO IN SENATO IN QUESTI GIORNI, DA UNA MAGGIORANZA CHE NON E' QUELLA DI ORLANDO, MA CHE OPERA ALLO STESSO MODO, CHE TUTTO CADRA' IN PRESCRIZIONE E CHE I REATI, ANCHE SE PROVATI, NON SARANNO PIU' REATI...

    E IL CAPANNONE SVETTERA', INSIEME ALLA SUA BARACCOPOLI, CHE NEL FRATTEMPO SI SARA' TRASFORMATA IN UNA MEGAVILLA,  ANCORA PIU' SONTUOSO IN QUEL DI GAGNAGO...
    E CI SARANNO ANCHE I FUOCHI D'ARTIFICIO E STROMBAZZAMENTI VARI, COME UNA VITTORIA DELLA COPPA DEL MONDO!!!

    QUESTO E' IL NOSTRO BELPAESE, QUESTA E' LA DESTRA E LA SINISTRA, QUESTO E' BORGOTICINO.

    GLI ABUSI SONO ABUSI, DI QUALUNQUE COLORE POLITICO SIANO!!!!

    E TUTTI I CITTADINI DOVREBBERO AVERE IL CORAGGIO DI PRENDERE POSIZIONE ANCHE CONTRO IL SINDACO CHE HANNO VOTATO!!!!

    MA TANTO IL CAPANNONE E' A GAGNAGO, DA' SOLO FASTIDIO AD UN PAIO DI CASE, CHE GLIENE FREGA A QUELLI CHE HANNO IL LORO BELL'ORTICELLO A BORGOTICINO, LONTANO DA QUESTO SCEMPIO????

    MEDITATE GENTE, MEDITATE...

    RispondiElimina

Rubriche

Il Cittadino Informa

Ci Piace e Non Ci Piace